Progetto "Comunicare il Coma"

Vai al sito web del Progetto

"Comunicare il Coma", è una carta per i giornalisti promossa dall'associazione Onlus "Gli amici di Luca", l'Università degli Studi di Bologna, l'Azienda Usl di Bologna e il sostegno dell'Ordine dei Giornalisti.

Nell'Ottobre 2005, durante il Convegno "Comunicare il coma. Diritto di cronaca, privacy e informazione", è stata avanzata l'idea di proporre una dichiarazione di intenti che comprende norme sulla redazione e diffusione di notizie sul coma e sulla malattia in generale. Nelle sezioni del menù a sinistra trovi il testo della proposta.

La prima parte, Premessa, presenta i soggetti promotori dell'iniziativa; esplicita il nuovo progetto di notiziabilità sul coma, che pone la famiglia coinvolta e al centro della terapia; definisce lo spirito e l'obiettivo della nuova carta "Comunicare il coma": impegnare i giornalisti italiani a trattare in modo corretto il tema del coma, della malattia, del dolore.

La seconda parte, Definizioni, propone indicazioni concrete su termini relativi al coma che spesso vengono adoperati in maniera fuorviante, distorta e controproducente: coma, stato vegetativo, disabilità, normalità, risveglio.

La terza parte, Regole, contestualizza principi in parte già presenti nel nostro ordinamento o enunciati in altre carte deontologiche approvate per la professione giornalistica, e quindi precettivi. Sono regole di deontologia che i professionisti dell'informazione devono conoscere per approcciarsi a questi temi.

L'ultima parte, Conclusioni, impegna il Comitato promotore ad attivare un Osservatorio in seno all'Università per il monitoraggio delle indicazioni riportate in questo documento. Per conoscere l'attività dell'Osservatorio si rimanda alla pagina specificatamente dedicata.